Parigi Moda Uomo Primavera 2011

Ho pensato che fosse meglio fare un riepilogo di tutte le sfilate piuttosto che fare vari post per ognuna di loro, ormai lo faccio sempre, anche perchè non riesco, ahimè, a seguire tutto tutto tutto..

Viktor & Rolf

Bella sfilata! adoro la cintura annodata, soprattutto quella in vita, sulla giacca. Ora, quando mi meterò di nuovo una cintura annodata in vita sul blazer, potrò giustificarmi dicendo “L’hanno fatto anche Viktor & Rolf”.

Viktor & Rolf

Viktor & Rolf

Viktor & Rolf

Viktor & Rolf

Louis Vuitton

Non ha un vero  proprio filo logico; passa facilmente dalla tradizione occdentale alle stampe orientali e arabeggianti, per finire con i colori dei safari…mmh, boh. Forse mi piace, ci mediterò sopra.

Louis Vuitton

Louis Vuitton

Louis Vuitton

Louis Vuitton

Louis Vuitton

Yohji Yamamoto

Figa questa collezione! Molto “venezia del ‘700”, ovviamente resa più portabile.  E i cappelli… *sbaaaaaaaaaaaaaaav*.

Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto

E adesso sono un po’ stanco…psterò anche le altre domani!

Annunci

Milano moda uomo Primavera 2011: altre sfilate.

*sbaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaav* fatico a raccogliere la lingua da terra dopo aver visto la nuova collezione maschile di Etro. Ancora più emozinante di quella di Vivienne…sto male al pensiero che al massimo potrò comprare una cosa 😦

Etro

Etro

Etro

Etro

Z Zegna

Z Zegna

Z Zegna

Questo sta diventando uno dei miei colori preferiti..

Z Zegna

Z Zegna

Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna

Gucci

Gucci

La giacca è un po’ troppo femminile per i miei gusti…però bella!

Gucci

Gucci

Gucci

E infine…ALEXANDER MCQUEEN. Fenomenale. Gente la Burton ci a fare, complimenti ragazza! (altre foto nn le trovo, comunque sia, sul sito trovate il video della sfilata)

Milano moda uomo primavera-estate 2011: Alexander McQueen

Milano moda uomo primavera-estate 2011: Alexander McQueen

Cose a caso.

Scusatemi per l’assenza prolungata, avevo troppe cose da fare. E’ incredibile quanto io possa essere impegnato anche s cerco di evitare qualsiasi cosa…bah. Comunque, cominciamo…

Lunedì scorso sono stato al Convivio (fiera-mercato di moda dove gli stilisti italiani vendono i loro capi a basso prezzo. I ricavati sono stati poi devoluti per la ricerca conro l’AIDS). Be’… mi aspettavo di meglio. Sarà perchè era il penultimo giorno, ma gli allestimenti erano poveri, per uomo c’era poco e niente, ma sono riuscito a trovare una t-shirt carina di Etro. Anche se mi ha deluso,andrò comunque al prossimo. Ecco magari però avrò l’accortezza di andarci il secondo giorno.

Questi poi sono i giorni di sfilate maschili a Milano per la primavera 2011. Cominciamo dicendo che Emporio Armani,Bottega Veneta e Burberry mi hanno deluso abbastanza…mi aspettavo di più. vabbe’. Fortunatamente Vivienne è rimasta fedele a se stessa, mi pace un sacco. Così come la collezione di Costume National, di Prada e di Ferragamo..

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

Voglio la giacca….

Vivienne Westwood

E anche la maglietta…

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

E anche questi jeans..

Prada

Prada

Non sembrano un po’ i pantaloncini da calciatore? ad ogni modo, la maglia mi piace. Un sacco.

Prada

Super anni ’90!

Prada

Prada

Prada

Prada

Amo questo look.

Prada

Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo

Questo pezzo è fenomenale.

Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo

Costume National

Costume National

Costume National

Costume National

Be’ queste sono le tre sfilate che mi sono piaicute di più. E aspetto con ansia le foto di quella di Etro. Lasciatemi dire che ho notato, di nuovo, molti doppio petti, maglie traforate e giacche di jeans.. e queste sarebbero le collezioni per la primavera 2011.

Altro argomento, Kartell e Moschino. Di nuovo insieme per confezionare delle ballerine in pura plastica. Belle eh…ma mi chiedo quanto siano comode.

Finisco parlando della collezione resort di Givenchy 2011. Ho visto un vestito femminile che mi piace molto. Riccardo tisci e il suo amore per il gotico….geniale.

Paris Fashion Week fall/winter 2010/2011: Valentino e Yves Saint Laurent.

Ohh che giornate ricche di sfilate quelle di ieri e di oggi. Manca un giorno alla mia gita di soli tre giorni a Firenze, giovedì quindi sarò in viaggio e per tre giorni sar senza blog e senza aggiornamenti. Comunque sia, riesco a scrivere qualcosa sulle sfilate di Valentino e Yves Saint Laurent.

Valentino.

L’haute couture mi ha deluso molto, era troppo forzata e all’avanguardia. Con questa collezione di prèt-a-portè si sono tirati su i due designer. Bianco, nero, color carne, rosso: sono queste le variazioni che iù si vedono. Leggere balze,rouches e volants. Una collezione leggera e impalpabile e di grande effetto Mi è piaciuta.

Yves Saint Laurent

Il classico rigore e le rigide forme geometriche sono una sorta di tradizione di questa maison. Si punta al nero e al guardaroba maschile, ma si ruba qualcosa anche dall’ambiente ecclesiastico. Ma troviamo anche dei materiali “insoliti” come la plastica per le mantelline. anche questa mi è piaciuta 🙂

Paris Fashion Week fall/winter 2010/2011: Emanuel Ungaro e John Galliano

Altra giornata di sfilate, quella di oggi. Prima di tutto, auguri a tutte le signore e signorine! Continuae a lottare per i vostri diritti, nemmeno in Italia abbiamo la parità dei sessi, è una cosa scandalosa. Detto questo, passo alle sfilate..ah, visto che siamo in tema, sia chiaro che non ritengo le modelle donne-oggetto, ma solo professioniste che indossano abiti meravigliosi.

E per esaltare al meglio la vostra femminilità John ha creato degli abiti meravigliosi, cosa che non ha fatto per la maison Christian Dior (vedi post precedente).Adoro le acconciature-fiocchi o quello che sono,molto divertenti. Molti abiti lunghi, cappottini sexy,fantasie floreali e coloratissime,anfibi-stivali molto divertenti. MOlto eterogenea, molto particolare.

Emanuel Ungaro: da un’estremo all’altro. Quetsa collezione invece è pura sorietà, eleganza. Miniabiti di raso e qualche stampa animaliè. Linee pulitissime. Eccezionale.

Paris Fashion Week fall/winter 2010/2011(decisamente non riesco a reggere il ritmo.)

Ok, so che è grave e che è un requisito che si chiede agli aspiranti giornalisti di moda, ma in questo periodo non riesco a reggere il ritmo con tutte queste sfilate, fashion week ecc ecc. MI stava venendo un esaurimento, grazie anche al mio liceo. Comunque, per quel poco che ho visto della Settimana della moda parigina autunno/inverno 2010/2011, sono risuscito ad innamorarmi delle collezioni di Nina Ricci e di Vivienne Westwood.

Nina Ricci.

Amo questa casa di moda. Vestiti sembre femminili, voluttuosi, lussuosissimi. E anche questa volta non mi delude.

Vivienne Westwood.

Sappiamo che di Londra. Viene da una città che porta sempre novità ed eccletticismo nel mondo della moda. E’ per questo che Vivienne nelle sue collezioni mischia qualsiasi cosa, fantastie diverse, colori sgargianti e svariati materiali. E’ sempre uno show per gli occhi.

Non mi è piaicuta molto la collezione di Christian Dior. Non mi ha trasmesso molto, l’ho trovata un po’ banale, in contrasto con l’orignario spirito della maison. Solo qualche abito da sera mi è piaciuto molto. preferisco di gran lunga la collezione dell’anno scorso. John, puoi fare di più!

Arrivederci Milano Donna, ci rivediamo a settembre!

E’ finita. La settimana che ha reso Milano obiettivo dei fotografi di moda si è conclusa, ma la sua scia è destinata a ripresentarsi in autunno. Sia perchè a settembre avrà inizio la settimana della moda dedicata alla primavera/estate, sia perchè quest’autunno dovremmo vedere le cose presentate nei giorni scorsi.

Ora voglio solo presentare le collezioni che più mi hanno stupito. So che una sola foto è decisamente riduttiva per presentare l’intero concept di una sfilata, ma non ho tutto questo tempo (e voglia) per prenderle tutte!

Gucci: Frida Giannini ha smesso di presentare donn scosciate e quasi sempre volgari. Ha optato per uno stile un po’ più classico, un po’ più sobrio. Voto 7.

Etro: con Etro è sempre amore a prima vista per me.  Accozzaglie di colori e di forme, quasi come se fosse una casa Londinese. Viva Etro! Voto: 8

Max Mara: anche con questa maison è un colpo di fulmine per ogni collezione. Donna austera, elegante, severa, chic. Eccezionali come al solito i cappotti. Voto 8 e 1/2

Ferragamo: giovani esploratrici moderne sulla passerella. Colori naturali e linee pulite. Non è certo una collezione innovativa, ma stupisce per l’eleganza. Voto 8

Bottega Veneta: lo chic è di casa. L’eleganza è sempre presente in tutta la collezione. Moda eterea, intoccabile, perfetta. Voto 9 e 1/2.

Fendi: anche qui gli anni ’40. gonne lunghe fino alla caviglia, abiti quasi grezzi, forme severe. Molto bella, brave!

Giorgio Armani: non si è in grado di dire niente. Bisogna solo contemplare. Voto: 9 e mezzo.

Haute: pezzi veramente unici! Collezione decisamente eterogenea, lascia a bocca aperta. Voto 8.

Emilio Pucci: collezione carina, divertente. Ma da questa casa mi aspetto sempre di più… Voto 6 e 1/2