Cose a caso.

Scusatemi per l’assenza prolungata, avevo troppe cose da fare. E’ incredibile quanto io possa essere impegnato anche s cerco di evitare qualsiasi cosa…bah. Comunque, cominciamo…

Lunedì scorso sono stato al Convivio (fiera-mercato di moda dove gli stilisti italiani vendono i loro capi a basso prezzo. I ricavati sono stati poi devoluti per la ricerca conro l’AIDS). Be’… mi aspettavo di meglio. Sarà perchè era il penultimo giorno, ma gli allestimenti erano poveri, per uomo c’era poco e niente, ma sono riuscito a trovare una t-shirt carina di Etro. Anche se mi ha deluso,andrò comunque al prossimo. Ecco magari però avrò l’accortezza di andarci il secondo giorno.

Questi poi sono i giorni di sfilate maschili a Milano per la primavera 2011. Cominciamo dicendo che Emporio Armani,Bottega Veneta e Burberry mi hanno deluso abbastanza…mi aspettavo di più. vabbe’. Fortunatamente Vivienne è rimasta fedele a se stessa, mi pace un sacco. Così come la collezione di Costume National, di Prada e di Ferragamo..

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

Voglio la giacca….

Vivienne Westwood

E anche la maglietta…

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

Vivienne Westwood

E anche questi jeans..

Prada

Prada

Non sembrano un po’ i pantaloncini da calciatore? ad ogni modo, la maglia mi piace. Un sacco.

Prada

Super anni ’90!

Prada

Prada

Prada

Prada

Amo questo look.

Prada

Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo

Questo pezzo è fenomenale.

Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo

Costume National

Costume National

Costume National

Costume National

Be’ queste sono le tre sfilate che mi sono piaicute di più. E aspetto con ansia le foto di quella di Etro. Lasciatemi dire che ho notato, di nuovo, molti doppio petti, maglie traforate e giacche di jeans.. e queste sarebbero le collezioni per la primavera 2011.

Altro argomento, Kartell e Moschino. Di nuovo insieme per confezionare delle ballerine in pura plastica. Belle eh…ma mi chiedo quanto siano comode.

Finisco parlando della collezione resort di Givenchy 2011. Ho visto un vestito femminile che mi piace molto. Riccardo tisci e il suo amore per il gotico….geniale.

Diario #6. Firenze, un po’ di vita,un po’ di moda.

Di ritorno da ormai 2 giorni dalla mia scampagnata fiorentina che ha toccato anche quel meraviglioso borgo noto con il nome di San Gimignano. Diciamo che ho dormito al massimo 4 ore per notte, diciamo che ho riso come un pazzo, diciamo che ho arricchito il mio bagaglio culturale artistico notevolmente e diciamo pure che voglio una casa a San Gimignano 🙂 E’ un borgo meraviglio, tranquillo, quieto. Il tempo si è fermato e le automobili anche. E’ stata una piacevole tappa dopo il caos che abbiamo trovato nella città del giglio. E finalmente ho visto i quadri del Botticelli e il David di Michelangelo, opere che nella loro perfezione mi fanno sempre dubitare che siano state prodotte da una mente umana.

Passando alla moda: ho notato con piacere che le sfilate di Marc Jacobs e di Prada hanno avuto come protagoniste le modelle “burrose”. Certo molto alte e longilinee, ma non malate. Vi ricordate le top anni ’90, così belle e piene che davano personalità all’abito? La gente e gli stilisti si stanno forse stancando di vedere abiti appesi a donne che sembrano malate? Oddio, anche io subisco il fascino della magrezza, ma è bene che resti sui bozzetti delli stilisti, dove quello che viene rappresentato è lideale dibellezza e di vestito. Quando viene trasferito alla realtà, meglio usare persone vere. A tal proposito consiglio la visione del servizio fotografico di questo mese su Vogue Itala (l’inserto sull’haute couture) che ha come protagonista la bellissima Toni Garrn, modella certo magra, ma magra da persona comune (comune se non fosse che lei è eccezionalmente bella).

Quanto alla vita, le cose non vanno poi male. Scuola come al solito molto impegnativa e non si profilano situazioni sentimentali all’orizzonte, purtroppo o per fortuna.